sagre feste mercatini eventi

la pagina contiene un numero considerevole di immagini e testi il suo caricamento può risultare lento e il consumo di dati per dispositivi mobili alto

ll nostro negozio on line

La linea fresh

distributori

per l'italia

prodotti Monoc

oscuranti termici

 

finestre di ricambio

 

 

i nostri favolosi prodotti

4 passi nella nostra città

camper cucina viaggi

 

 

per ripararvi dal freddo vi consigliamo i nostri fantastici oscuranti termici, pratici nel montaggio, economici, di ottima qualità, prodotto italiano galassiacampershop

documentati

vai a galassiacampershop

i nostri social

 

ll nostro negozio on line

La linea fresh

distributori

per l'italia

prodotti Monoc

oscuranti termici

 

finestre di ricambio

 

 

i nostri favolosi prodotti

4 passi nella nostra città

camper cucina viaggi

 

 

per ripararvi dal freddo vi consigliamo i nostri fantastici oscuranti termici, pratici nel montaggio, economici, di ottima qualità, prodotto italiano galassiacampershop

documentati

L’Eterno e il Tempo tra Michelangelo e Caravaggio

10 febbraio / 17 giugno 2018

Forlì, Musei San Domenico

Tra il Rinascimento e il Barocco. La grande mostra al San Domenico di Forlì
del 2018 mette in scena per la prima volta in maniera compiuta e in un nuovo percorso espositivo il fascino di un secolo compreso tra un superbo
tramonto, l’ultimo Rinascimento, e un nuovo luministico orizzonte, l’età barocca.
Il periodo che intercorre tra il compimento del Giudizio Universale di Michelangelo nella Cappella Sistina (1541) e la breve affermazione a Roma di Michelangelo Merisi da Caravaggio è per la storia dell’arte uno dei più avvincenti e stimolanti.
La pittura della Maniera aveva messo in campo le ragioni di un’“arte per l’arte”, in cui a prevalere erano il capriccio e la “licenza”, ovvero una sorta di trasgressione che stesse dentro alla regola: un’arte colta, rivolta a una ristretta élite in grado di compiacersi del gioco di sottili rimandi ai grandi modelli di Raffaello e di Michelangelo, sentiti come insuperabili.
A mettere in crisi questo modo di intendere l’arte era stata la polemica dei riformatori protestanti che, contro il lusso della corte pontificia, si richiamavano al rigore della Chiesa delle origini. Ma, ancora prima che il Concilio di Trento teorizzasse il valore didattico delle immagini – “da venerare secondo ciò che rappresentano”, sventando così il rischio iconoclasta – gli artisti avevano autonomamente elaborato una nuova figurazione in cui le esigenze del racconto prevalessero sullo sfoggio di un virtuosismo fine a sé stesso.Dall’ultimo Michelangelo a Caravaggio, l’esposizione forlivese tesse un filo estetico di rimandi unici che illustra la nascita dell’età moderna. Un percorso unico che mostra capolavori di Raffaello, Rosso Fiorentino, Lorenzo Lotto, Pontormo, Sebastiano del Piombo, Correggio, Bronzino, Vasari, Parmigianino, Daniele da Volterra, El Greco, i Carracci, Barocci, Veronese, Tiziano, Zuccari, Reni e Rubens.
Tra i due Michelangelo si snoda un percorso culturale innovativo, alla ricerca di un rispecchiamento tra i valori eterni e quelli storici. E se nel primo si dissolve ogni idea o ideale di compiutezza umana e terrena; nel secondo, una umanità intrisa di peccato, scalza e sporca bussa alle porte del cielo.

Per sostare a Forli: Area gratuita Parcheggio dell'Argine,  situato in via Donne della costituzione, carico e scarico, illuminato, tranquillo a poca distanza dal centro e al margine di un bellissimo parco. Per la visita di Forlì e dintorni, consulta la nostra guida sul territorio

LA MAGICA NOTTE DI ROCCA SAN CASCIANO FESTA DEI FALO' (FC) 21/22 aprile

A Rocca San Casciano, capoluogo della Romagna-Toscana, si svolge la tradizionale Festa del Falò, manifestazione famosa in tutta Italia che getta le sue radici nella notte dei tempi. Con l'accensione di giganteschi falò in competizione fra i due Rioni, circondati da un suggestivo spettacolo pirotecnico ovvero “I Botti”, ci si ritrova immersi in un'atmosfera davvero magica.

La competizione continua con le sfilate di carri allegorici e si conclude con i balli in piazza fino a notte fonda.

LA SFIDA Lungo le sponde del fiume Montone in mezzo alle tifoserie agguerrite dei due rioni il Borgo e il Mercato, bruceranno i maestosi pagliai di ginestre o meglio di “spini” come vengono chiamati ancora oggi in quanto fino a qualche decennio fa venivano utilizzati rovi e sterpaglie.. Già dal tardo pomeriggio cominciano a radunarsi gli incaricati all'accensione dei due Rioni che studiano le ultime strategie per ottenere la migliore accensione, quindi si passa alla copertura del pagliaio con della paglia che servirà a favorire l'accensione, infatti è vietato utilizzare, oltre alla paglia, qualsiasi prodotto chimico o naturale che possa accelerare l'accensione, un'equipe di tecnici con sofisticati strumenti analizza i due pagliai per verificarne l'idoneità, sono sempre momenti di alta tensione fra i due rioni, tensione che salirà sempre di più fino all'accensione.

Dopo "l'operazione paglia" si passa alla preparazione finale delle torce che saranno distribuite agli "accenditori" ed ogni rione segue le proprie strategie.Lo spettacolo entra nel vivo con il suono delle campane a festa che accompagna l'arrivo nell'argine del fiume dei due giovani tedofori con portano le fiaccole benedette dal sacerdote in chiesa, la tradizione vuole infatti che i falò siano dedicati a San Giuseppe affinché favorisca una buona annata per il raccolto o per sciogliere dei “voti” e chiedere “grazie”. Fino all'abolizione della festivià di San Giuseppe la festa si svolgeva il 18 marzo la sera prima della festa del Santo.Con le fiaccole si accendono le gigantesche torce costruite artigianalmente con la massima cura, che servono per l'accensione, ed ecco il momento più suggestivo della serata: una ventina di ragazzi per rione (dall'anno scorso il rione Borgo ha aperto alle “quote rosa” inserendo delle ragazze nel gruppo degli “accenditori”) si posizionano intorno ai giganteschi pagliai che, come detto, sono ricoperti solo di paglia in quanto è vietato l'uso di qualsiasi additivo che possa favorire lo sviluppo delle fiamme, al segnale prestabilito, lo scoppio di un grosso petardo, appoggiano le fiamme delle torce ai pagliai:

La sera della festa per i Camperisti è prevista un' area sosta attrezzata presso il Parco Gramsci, all'ingresso del paese trovate le indicazioni da seguire, per arrivare all' area.

L'area Camper in occasione della Festa del Falò è a pagamento e non esiste servizio di prenotazione.

L'area può essere utilizzata anche per campeggio ed è completa di servizi.

L'area attrezzata per la sosta dei camper a Rocca San Casciano si trova all'interno del Parco Gramsci, con ingresso da Via Dante, nel parcheggio dell'ex Foro Boario sulla strada San Zeno - Galeata.

L'area di sosta è nel centro abitato ed è segnalata in loco, comodissima dei turisti itineranti dove troveranno subito nelle immediate vicinanze negozi, bar, ristoranti ed altro, l'area è piccola ed ha solo quattro piazzole su autobloccanti, di lato il camper service, a botola con coperchio in metallo incernierato, piccolo e dificoltoso per lo scarico acque scure e nelle manovre, fornite di due colonnine della Wc Wash a moneta per l'erogazione di acqua potabile e corrente elettrica.

L'ubicazione dell'area di sosta di Rocca San Casciano oltre ad essere fortunata per i servizi offerti è molto tranquilla e sicura, ombreggiata da piante ad alto fusto, confina su un lato con il fiume Montone, subito vicino attraversando il ponte si troveranno anche un parco pubblico con giochi per bambini e campi da calcetto. Apertura annuale, non sono segnalati i tempi di permanenza.

Area sosta Rocca San Casciano Viale Dante Alighieri c/o parco pubblico Gramsci - 47017 - Rocca San Casciano (FC) informazioni e programma

Per informazioni +39 0543.960124  Coordinate GPS: 44.060975,11.845464 / 4°03'39.5"N 11°50'43.7"E . Rocca S.Casciano si trova a 27 Km a sud di Forlì, sulla strada statale n.67 (tosco romagnola) in direzione Firenze. Il casello autostradale più vicino è quello di Forlì, con la A14 a 27 km circa.

Fiera dell’asparago di Mesola, dal 25 aprile al 1 maggio (e delta del PO )

 tutto  il borgo intero ne è coinvolto, ne anima le strade e le piazze fin negli spazi rinascimentali del Castello Estense. I numerosi stand propongono degustazioni gratuite del prodotto principe di questa terra l?aspargo, servito in ogni sua forma da quella classica dei primi piatti al dolce, ma anche di vino delle sabbie, di salumi, formaggi e zucche E non solo, durante la manifestazione sono in programma laboratori didattici per i piccini, escursioni in bicicletta e in barca, visite guidate al Castello, il Palio di Ariano, La Sagra dell’asparago di Mesola è anche una occasione ammirare un ambiente naturale davvero suggestivo. Durante la manifestazione sono previste gite in battello sul Po di Goro, fino alle sue foci, passeggiate diurne e notturne al Gran Bosco della Mesola, mostre e visite guidate Museo del Bosco e del Cervo presso il Castello Estense.

 Per sostare: Area Comunale Via Cesare Laurenti  Tel.: +390533993595 per informazioni: Proloco Piazza Santo Spirito, 3  Telefono: 0533 993358

guarda il programma completo qui, per raggiungere Mesola: Da Ferrara superstrada Ferrara/Porto Garibaldi, strada Statale Romea direzione Pomposa-Mesola.

Vi suggeriamo anche la visita all'Abbazia di Pomposa,  risalente al IX secolo e una delle più importanti di tutto il Nord Italia sito web, parcheggio anche per i camper. Da Mesola suggeriamo anche il giro del delta del Po, Una delle zone umide più importanti d’Europa, la più vasta d’Italia che accoglie elementi di biodiversità che lo rendono un paradiso per naturalisti, biologi, turisti e birdwatchers. Con i suoi caratteristici ponti di barche, la sacca di Scardovari, fino alla punta estrema del delta. Un emozionante giro tra la natura selvaggia. Punto sosta sul delta: a Gorino, Parcheggio Spiaggia Barricata - Bonelli di Porto Tolle (nessuna controndicazione per la sosta camper, almeno al momento della nostra sosta e nessun cartello di divieto dalle immagini di google maps 3d), informazioni e guide sulla visita al delta qui

    

ponte di barche sul po 

ponte di barche sul delta

       

una visita agli allevamenti di vongole (slurp...) e relativo acquisto a buon prezzo ci sta

   

                                       sosta camper Gorino                                           la luna sul delta a Gorino con i segnali nautici illuminati          

un bagno sulla punta estrema del delta non poteva mancare....  

 

foto del delta del Po Galassiacamper, foto aeree Google Maps

per ripararvi dal freddo  vi consigliamo i nostri fantastici oscuranti termici,

 pratici nel montaggio, economici, di ottima qualità, prodotto italiano

   

documentati sul nostro e-shop

| soste camper | assistenza | utilità | convenzioni | raduni | fiere-eventi | camper club | associazioni | territorio |

| contatti | a tavola | fai da te | scadenze | diari di viaggi | sicurezza | sagre eventi | e-shop | siti amici |meteo |

 

www.galassiacamper.com  www.galassiacamper.it  www.galassiacamper.eu  www.galassiacampershop.com

 

2010

 

solo uso di informazione e assistenza, testi e immagini di Galassiacamper sono proprietà intellettuale soggetta alle leggi sul diritto d'autore, è vietata la loro riproduzione anche parziale senza autorizzazione

versione 01/16 Galassiacamper

questo sito utilizza i cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie cliccando qui Navigando su questo sito inoltre vengono scritti e/o letti sul tuo browser anche cookies gestiti da terze parti. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.